martedì 25 febbraio 2014

Tag se fossi un libro

Ho trovato questo Tag sul blog Never Say Book e ho pensato che fosse molto carino, perciò ho deciso di farlo e di condividerlo con voi, cari lettori!

Perché non vi cimentate anche voi queso Tag?


Potete rispondere alle domande nei commenti, oppure lasciarmi il link! :)

P.s. Sinceramente ho scoperto da poco l'esistenza ed il significato dei Tag, perciò ho voluto subito sfruttare questa nuova conoscenza! 

Iniziamo

1. Quale sarebbe il titolo del tuo libro? 

Questa è difficile, credo che sarebbe ... L'avventura di una sognatrice. in fondo una vita non può esistere se non ci sono dei sogni ad alimentarla. 

2. Quale autore scriverebbe la tua storia?
Sicuramente J.K Rowling, è la mia scrittrice preferita, con le sue parole riesce a far viaggiare la mente, anche delle persone più scettiche e convincerci per un momento che la magia può esistere davvero. 

3. Quale copertina sceglieresti?

Non chiedetemi il perché, ma i palloncini mi hanno sempre comunicato un idea di sogni e di speranza, quindi non potevo far altro che scegliere questa immagine pervasa dalla magia . 

4.Saresti un rilegato o una brossura?
Assolutamente un libro rilegato, comunica solidità e sicurezza. indica continuità e sono certa che duri di più nel tempo! 

5. Quante pagine avresti?
Credo che vorrei essere un libro di circa 300 pagine, sinceramente non so spiegarvi il vero motivo di questa scelta, forse un libro lo sa e basta... cosa ne dite? 

6. A quale genere apparterresti e perché?
Sicuramente a quello fantasy, prima di tutto perché è il mio genere preferito e secondo perché adoro dare sfogo alla mia fantasia. 

7. Chi vorresti che scrivesse la recensione da mettere sul retro del tuo libro?
Penso che vorrei una recensione dalla scrittrice Marcia Grand Power, perché nei sui libri come "il cavaliere che aveva un peso sul cuore", e "la principessa che credeva nelle favole" si denota una spiccata profondità ed una grande analisi della psicologia umana; quindi se è in grado di descrivere così bene un vero e proprio viaggio alla ricerca della felicità e della tranquillità , credo che non abbia alcuna difficoltà nel recensirmi. 

ADESSO TOCCA VOI! 
SPERIMENTATE QUESTO TAG :)

_Giulietta_

Di qua dal paradiso

Tic, Toc, una nuova settimana è iniziata, ciò vuol dire che ci aspetta un altro meraviglioso libro!

Di qua dal paradiso 
Autore: Francis Scott Fitzgerald 
Pagine: 412
Prezzo: 13,00 €
Anno: '900

TRAMA(presa dal libro): Di qua dal paradiso è l'esordio  letterario di Francis Scott Fitzgerald e il romanzo che rivelò al mondo il suo talento narrativo. Opera in gran parte autobiografica, ha conosciuto un enorme successo sin dalla sua prima uscita, nel 1920, e da allora è entrata nel canone della letteratura del Novecento. Nel personaggio di Amory Blaine, affascinante e irrequieto studente di Princenton, vediamo riflesse le aspirazioni di un intera generazione, quella dei giovani americani negli anni del primo conflitto mondiale: una generazione combattuta fra l'idealizmo e l'edonismo, fra i sogni di trasformazione sociale e la ricerca del succesos personale e infine rassegnatasi a un doloroso passaggio all'età adulta.
Per questa nuova traduzione italiana la voce del giovane Fitzgerald è affidata a Veronica Raimo.

"Il superuomo è del tutto inconciliabile con qualsiasi utopia. Finché ci sarà lui, i problemi continueranno a esistere, così come tutto il male sotteso nei suoi discorsi che aizzano e smuovono le folle."

BIOGRAFIA (presa dal libro): (1896/1940) è uno dei più grandi autori del Novecento. Fra le sue opere, che minimum fax sta ripubblicando nella traduzione di scrittori italiani contemporanei: Il grande Gatsby, Tenera è la notte, Racconti dell'età del jazz, Belli e dannati. 

Ogni vita irrisolta, sai,
resta lì, squilibrata e sospesa a metà.
Mai abbiamo pianto, riso a crepapelle, mai
sofferto, mai gioito, provato angoscia o felicità. 
cit. Browning
_Giulietta_ 

lunedì 24 febbraio 2014

Liebster Award

Vorrei ringraziare sinceramente il blog STORIES per aver assegnato al mio blog questo premio.
Adesso passiamo alle regole di questo premio!
Ringraziare e linkare il blogger e il blog di chi ha presentato la candidatura;
Rispondere alle 10 domande poste da chi mi ha nominato;
Nominare altri 10 blog con meno di 200 followers;
Proporre ai tuoi candidati 10 domande;


- Andare sui singoli blog e comunicare la loro nomina.

I blog che premio: 

1_ Qual è il vostro autore/autrice preferito/a? Con quale libro lo avete conosciuto?
Questa scelta per me è difficoltosa, perché ho tanti libri e autori preferiti; riesco a ridurre la selezione fra due autrici per me favolose: J.K Rowling e Jane Austen.
Naturalmente la prima l’ho conosciuta con la fantastica saga di “Harry Potter” e continuo a riscoprire il suo favoloso modo di scrivere nel libro appena pubblicato “il segreto del cuculo”.
Per quanto riguarda Jane Austen, non ricordo quante volte ho letto il libro “Orgoglio e pregiudizio” a mio parere un capolavoro della letteratura.
Poi vorrei citare anche scott Fitzgerald, non tanto per le trame dei sui libri, io preferisco altri generi, ma ammiro la sua capacità di descrizione e ricreazione di momenti che diventano reali tramite le sue parole. Credo di potermi fermare adesso! J
“Per prima cosa si rese conto di quanto fosse incessante il suo ruggire … sul serio, tutte le banalità che si possono pensare sul mare, eppure se qualcuno gli avesse detto che erano delle banalità, ci sarebbe rimasto di stucco”.
Cit. F.S Fitzgerald “Di qua dal paradiso

2_ Provate a descrivere il vostro ultimo anno con un film.
credo che il mio ultimo anno sarebbe un film divertente e allegro, non riesco a trovarne uno con precisione, perché nessuno riesce a descrivere la mia vita a pieno, però sicuramente sarebbe un film allegro perché cerco sempre di vedere il lato positivo delle cose. 

3_ In che “mondo letterario” vorreste vivere?
La risposta a questa domanda mi viene automatica, naturalmente vorrei vivere nel fantastico mondo potteriano!
Ho sempre desiderato di passare almeno un anno della mia carriera scolastica ad Hogwarts e infondo penso che la mia lettera possa ancora essere lì ad aspettarmi.

4_ Avete qualche amico o familiare con cui condividete la vostra passione per qualche autore particolare?
Sì,  proprio per gli autori che ho citato nella prima domanda, ma diciamo che l’autrice che mette d’accordo tutti è proprio J.K Rowling.

5_ Vi piace leggere in lingua originale?
Sì, penso che sia molto utile per perfezionare le lingue straniere e credo anche che in lingua originale i libri si apprezzino di più perché non hanno subito alcuna modifica! Purtroppo però non  riesco a leggere in lingua quanto vorrei, per mancanza di tempo!

6_ Avete mai letto una biografia di un personaggio che vi ha particolarmente affascinato?
Sinceramente no, non amo leggere delle biografie, preferisco lasciarmi trasportare da una bella storia.

7_ Ripensate al 2013: qual è stato secondo voi il miglior film?
Per me il miglior film, naturalmente fra quelli che ho visto, è “Il lato Positivo” di David O.Russel.
L’interpretazione dei due attori protagonisti, Jennifer Lawrence e Bradley Cooper, mi hanno lasciata senza fiato.

8_ Vi è mai capito di rileggere piú volte lo stesso libro e di provare emozioni sempre nuove?
Certo, credo che capiti spesso; un libro veramente bello deve essere in grado di suscitare sempre emozioni diverse ad ogni pagina ed a ogni rilettura.

9_ Qual è stato il vostro primo libro?
Non mi ricordo esattamente se è stato il primo in assoluto, ma comunque è quello a cui tengo di più: Il Mago di OZ.


10_ Sapreste dire un titolo che in precedenza avete adorato, ma che in seguito avete rivalutato differentemente?
Sì, anche se non mi capita spesso, devo dire che il libro Matched di Ally Condie ha perso tutto il suo fascino quando ho letto gli altri due libri della trilogia.  La storia avvincente mi aveva colpito, ma poi si è rivelata una delusione!

Ecco le mie dieci domande per i blog premiati:
1. Qual'è il libro che vi è rimasto più impresso? Sia che sia stato il libro migliore, sia che sia stato il peggiore.
2. Come descrivereste la vostra passione per la lettura?
3. Qual'è il vostro genere letterario preferito?
4. Se doveste scegliere un solo libro fra tutti quelli che amate, quale sarebbe? 
5. Meglio leggere o scrivere? 
6. Quale film tratto da un libro ha soddisfatto di più le vostre aspettative? 
7. Avete un quadro in particolare che vi colpisce ricordandovi una Vostra lettura? 
8. C'è stato un libro che è riuscito a commuovervi? 
9. Riuscite a credere per un momento che quello descritto nei libri possa essere vero? 
10. Qual'è il vostro autore preferito? 




lunedì 17 febbraio 2014

Sistema di Rating




Questo è il nuovo sistema di valutazione :-) 
Vi piace? 

_Giulietta_


Fumetti

Salve cari lettori,
Questa settimana vi stupisco perché cambio completamente genere presentandovi I fumetti che Hanno da sempre appassionato me e mio fratello!

Iniziamo!

Mickey Mouse
Topolino (Mickey Mouse) è un personaggio immaginario dei fumetti e dei cartoni animati creato nel 1928 da Walt Disney e Ub Iwerks ai Walt Disney Studio. Topolino è un topo antropomorfo che veste braghette rosse, grandi scarpe gialle e guanti bianchi. È uno dei cartoni animati più conosciuti al mondo ed è l'icona stessa della Walt Disney Company, il più grande Conglomerato mediatico al mondo in termini di fatturato annuo.
Il suo debutto avviene il 18 novembre 1928 al Colony Theatre di New York, nel cortometraggio Steamboat Willie (il primo cortometraggio prodotto però in cui compare Topolino è L'aereo impazzito). Steamboat Willie è un'opera vagamente ispirata a Io... e il ciclone di Buster Keaton, attore del film muto allora assai in auge. Tale cartone, proiettato insieme al film Gang War, colpì gli spettatori più di quest'ultimo, a causa della presenza del sonoro.


Dopo sedici corti, Topolino esordisce anche nei fumetti e precisamente sulle daily strips: a firmare le sue avventure sono Walt Disney (testi) e Ub Iwerks (disegni), i suoi creatori. Walt aveva pensato di dare a Topolino il nome di Mortimer ma sua moglie lo convinse a chiamarlo Mickey Mouse.
Le sue prime storie sono avventure scanzonate, in linea con il personaggio che compare al cinema, sempre pronto al divertimento come un monello qualsiasi in una città rurale senza nome. Tale caratteristica sarà successivamente presente soprattutto nelle tavole domenicali, poiché sulle strisce quotidiane il topo sta
crescendo.
Topolino apparve in Italia il 30 marzo 1930, quando sul n.13 del settimanale torinese Illustrazione del Popolo, diretto da Lorenzo Gigli, fu pubblicata la prima striscia disegnata da Ub Iwerks e intitolata Le avventure di Topolino nella giungla. Due anni dopo si ha il primo libro illustrato italiano con le sue immagini: Sua Altezza Reale il Principe Codarello e, poco più tardi, il 31 dicembre 1932, esce il primo numero di Topolino in formato giornale, edito da Nerbini.

Lupo Alberto
Lupo Alberto è il protagonista dell'omonimo fumetto e del cartone animato, creato da Guido Silvestri, in arte Silver.
Il personaggio prende forma nel 1973, con caratteristiche fisiche decisamente diverse da quelle attuali. Il suo tratto distintivo è il pelo azzurro, che non è un'idea nata col personaggio (all'inizio infatti e per alcuni anni le tavole realizzate erano in bianco e nero), ma una scelta successiva.
Alberto ribalta completamente lo stereotipo del lupo selvaggio e feroce; lui infatti è decisamente tranquillo e dal carattere mite. È giovane (sui 25 anni, secondo Silver) ed è un tipo dagli atteggiamenti ribelli e vagamente anarchici, e per questo si contrappone al suo avversario Mosè. Spirito libero, Alberto vive in una collinetta boscosa nei pressi della fattoria McKenzie, da solo. Ogni giorno cerca in qualche modo di aggirare la guardia di Mosè per raggiungere la casa di Marta, la gallina con cui è fidanzato. 
Alberto ha provato varie volte ad inserirsi nell'ambiente della fattoria, ma la presenza di una società rigida, nettamente divisa in ceti, in quella piccola realtà, gli ha sempre impedito di sentirsi a suo agio. Preferisce vivere nel bosco da solo o in compagnia degli animali che costituiscono l'Assemblea del Bosco, che amministra la zona. L'unico motivo valido per Alberto, per lasciare la zona è l'amore per Marta o la necessità di mangiare. Negli anni ha però perso l'iniziale odio per la civiltà e per i McKenzie (e questo solo grazie a Marta).
Il suo accesso alla fattoria non è consentito per un motivo banalissimo: non essendo abitante della fattoria ed anzi non essendo neppure cittadino, non può varcare la soglia della comunità. È su questo motivo che si basa la trama di tutti i suoi fumetti.


_Giulietta_ 

martedì 11 febbraio 2014

Uno, nessuno e centomila

Salve cari lettori,
Sebbene in ritardo, anche questa settimana avremo il nostro libro! 

Questa volta vorrei consigliarvi un libro psicologico, di quelli che creano dentro la tua testa un miliardo di domande e  ti convincono letteralmente di avere  una, nessuna e centomila personalità, ma siccome mi piace sperimentare stili diversi questo è uno dei miei preferiti anche se ne ho tanti ho deciso di consigliarvi questo libro, un vero classico della letteratura. 

Uno nessuno e centomila 
Autore: Luigi Pirandello
Prezzo: 8,50 €
Pagine: 165
Anno: 2005
Trama (presa da www.recensionelibro.it  )  “Uno, nessuno e centomila” è sicuramente il libro più famoso e probabilmente più amato di Luigi Pirandello, in cui si concretizza un personaggio molto complesso, consapevole del proprio essere nel mondo, che crea un percorso interiore per arrivare alla rivelazione a se stesso di ciò che egli è.
Vitangelo Moscarda, il protagonista di “Uno, nessuno e centomila” è un uomo ordinario che ha ereditato la banca del padre e dopo averla affidata a due collaboratori vive di rendita. Un giorno la moglie gli fa una rivelazione, facendogli notare che ha il naso storto, cosa di cui lui non si era mai accorto.Da questo momento Vitangelo inizia a farsi una serie di domande, che pone anche agli altri, persino allo stesso lettore, e scopre che gli altri hanno un’immagine completamente diversa di lui rispetto alla sua percezione.
Ecco che si rivela l’arcano per sé di “Uno, nessuno e centomila”: lui si sente un uomo, ma anche con centomila forme diverse che desidera distruggere, perché a lui estranee, e lo vuole fare per arrivare a comprendere il vero sé.Il protagonista, nel corso del libro “Uno, nessuno e centomila”, arriva addirittura alla follia, che non è considerata in maniera negativa, ma come un modo di percepire il tutto con occhi estranei e liberarsi dall’oppressione della costrizione.
“Uno, nessuno e centomila” è il libro di Pirandello più amato e conosciuto, che ha segnato profondamente la letteratura italiana.


"Ogni realtà è un inganno."

Biografia:  Nasce a Agrigento nel 1867, da una famiglia borghese. Nel 1891 si laurea all'Università di Bonn. Tornato in Italia,  si stabilisce a Roma dove inizia a collaborare a riviste letterarie; dal 1897 - ed ininterrottamente fino al 1922 - insegna all'Istituto superiore di Magistero, prima stilistica, poi letteratura italiana. Comincia a pubblicare poesie, saggi, romanzi e novelle, per poi affermarsi come autore drammatico nei due lustri seguenti al primo conflitto mondiale. Muore a Roma nel 1936, mentre sta lavorando a "I giganti della montagna". La sua opera più conosciuta è "Il fu Mattia Pascal"(1904) - dove un individuo ritenuto morto cerca invano di crearsi un'identità nuova, finendo per perdere anche l'originaria. 



"La vera solitudine è in un luogo che vive per sé e che per voi non ha traccia né voce, e dove dunque l'estraneo siete voi."

_Giulietta_ 

martedì 4 febbraio 2014

Specchio, specchio delle mie brame!

Cari lettori, che ne dite di fare un sondaggio?

Se doveste guardare nello Specchio delle Brame, cosa vedreste?
Iniziamo da me, io credo (perché la magia ti riserva sempre delle sorprese, quindi non posso esserne completamente sicura) che vedrei me insieme ad una biblioteca enorme, ma quelli intorno a me non sarebbero libri normali, ma nuovi romanzi scritti dai miei autori preferiti, non ancora pubblicati, in anteprima assoluta... sarebbe veramente un sogno, ma in fondo già il fatto di trovarmi ad Hogwarts sarebbe una cosa veramente magnifica!

Adesso però tocca a voi, commentate con quello che vedreste nello Specchio delle Brame :-) !

_Giulietta_ 

Il richiamo del cuculo

Questa settimana voglio consigliarvi il libro di uno scrittore esordiente ... un giallo meraviglioso!

Il richiamo del cuculo 
Autore: Robert Galbraith
Pagine: 464
Anno: 2013
Prezzo: 16,90 €
TRAMA(presa dal libro): Quando una top model, celebre e tormentata, precipita dal balcone del suo attico a Mayfair nessuno dubita che si tratti di un suicidio.
L'unico a non crederci è suo fratello che decide di rivolgersi a Cormoran Strike per far luce sul  caso.

Strike è un reduce della guerra in Afghanistan, dove è stato ferito nel corpo e nello spirito, e la sua vita è nel caos. Il novo incarico gli da un po' di respiro, ma a caro prezzo: più si immerge nel mondo complesso e spietato della modella, più la vicenda diventa oscura e densa di pericoli ...

Un romanzo elegante ed ad alta tensione, ambientato in una Londra ipnotica e ricca di seduzioni, dal chiasso di Soho, al lusso di Mayfair, ai gremiti pub  dell'East End. Il richiamo del cuculo segna l'esordio di una nuova e avvincente serie di gialli e decreta l'ingresso trionfale nella letteratura poliziesca di Cormoran Strike, nella scia di classici come P.D.James e  Ruth Rendell.

"Poi, finalmente, tutto il clamore si estinse, e persino i giornalisti non trovarono più nulla da dire , se non che era già stato detto troppo."

< Lo stile è incalzante e pieno di suspense. Per di più, Strike e la sua assistente Robin sono una squadra che il lettore sarà ansioso di ritrovare all'opera. > The New York Times

< Un romanzo scintillante ambientato nel mondo spregiudicato di stilisti e modelle. > Times

< Robert Galbraith ha un tocco da maestro nel descrivere Londra e farci innamorare di un nuovo eroe.> Daily mail

_Giulietta_

domenica 2 febbraio 2014

Anche su twitter


Cari lettori, 

Da ieri pomeriggio il blog storie attorno al fuoco è anche su twitter! 

Sarei veramente felice se andaste a dare un occhiata e mi esprimeste un vostro parere! Twittatemi così che io possa ricambiare (sto iniziando a imparare qualche termine tecnologico). 
Quindi cosa state aspettando fate un salto su  https://twitter.com/Giulietta_libri 


_Giulietta_