lunedì 13 luglio 2015

SECONDO EPISODIO

Eccoci qui al secondo lunedì del nostro nuovo appuntamento settimanale con gli episodi del racconto fantasy del blog Storie attorno al fuoco!
Se volete leggere LA PRIMA PUNTATA per non perdervi nulla cliccate QUI!
Perfetto, se siete pronti a lasciarvi per qualche secondo tutto alle spalle ed immergervi in un mondo nuovo, allora continuate a leggere :)


   I gemelli leggendari


“Jay presto scendi, mamma e papà stanno aspettando! Dicono che questa volta se fai tardi si arrabbiano sul serio!”
“Arrivo subito sorellina.”
“Ok, glielo dico. Non più di dieci minuti però, altrimenti, tanto per cambiare, se la prendono con me!”
“Ho detto che sono pronto. Sto scendendo, smettila di stressarmi.”
Non posso più temporeggiare, il momento è arrivato!
Uffa, non ci voleva, anche la gola secca!
Fai un bel respiro, sorriso da bravo ragazzo sulla faccia e una pettinata, questo balsamo è miracoloso, devo ricordarmi di ringraziare Cloe, fa rendere il colore verde scuro dei capelli intensissimo; Lo so, sono discorsi da femmine, ma in queste situazioni l’apparenza è molto importante, quindi, devo fare poco lo schizzinoso.
Quando finalmente raggiungo il pianerottolo la mia famiglia è già in piedi davanti alla porta che mi sta aspettando.
“Eccolo alla buonora! Sei peggio di una sposa quando ti ci metti!”
“Cloe non infierire! Sono un po’ in ritardo, ma guardami, sono veramente elegante in questo smoking nero! Ho pure la cravatta
Scoppia in una risata improvvisa, forse dovrei offendermi.
“Questo look non è da te fratellino, ma devo ammettere che ti dona davvero!”

Cloe oggi è’ bellissima, il vestito color cielo fa risaltare ancora di più i suoi occhi cristallini, identici ai miei e la pelle di porcellana risplende di luce propria, è a dir poco raggiante!
I capelli verde acqua sono racchiusi in una lunga treccia svolta dalle mani esperte di nostra madre e la sua esile figura è incorniciata da uno scialle trasparente, quasi argentato, che le ricade sulle spalle avvolgendola morbidamente come una nuvola.
Non dovrei essere io a dirlo, ma è stupenda!

Io e Cloe siamo gemelli, una rarità ad Exante ( la nostra terra). Era da circa un secolo che non si sentiva parlare di fratelli gemelli e quando siamo nati, i nostri genitori sono stati felicissimi di avere due rarità in casa, senza saperlo continuavamo il loro cerchio perfetto!
Siamo sempre stati molto uniti, fin da piccoli ci sostenevamo l’un l’altra; hanno tentato di farci frequentare scuole diverse (su consiglio dei predisposti psicologi), ma
noi non abbiamo voluto nemmeno discuterne, siamo inseparabili!
Crescendo questo legame non è diminuito, anzi, contro ogni previsione, si è rafforzato.
I nostri caratteri da prima simili si sono delineati: io insicuro ed emotivo, perennemente indeciso, lei determinata e brillante, con la soluzione costantemente a portata di mano.
I compagni di scuola le prime volte ci osservavano in modo curioso per la nostra straordinaria somiglianza, ma ormai il paese si è abituato al prodigio dei gemelli e con nostro grande sollievo, si è dimenticato di noi!
I primi anni della nostra vita sono stati infernali, e per fortuna, i miei ricordi sono composti solamente di sporadici flash di giornalisti e telecamere che tentavano ad ogni costo di osservare e immortalare il prodigio della natura. Purtroppo stasera però, dopo tanto tempo, saremo nuovamente davanti agli occhi di tutti: i gemelli leggendari tornano sotto la luce dei riflettori.
La voce lusingatrice di mia madre mi trascina via dai pensieri che mi affollano la mente.
  
“Ragazzi, siete a dir poco me-ra-vi-glio-si e quando scoprirete i vostri poteri lo diventerete ancora di più!”
“Mamma, lo sai, non siamo sicuri che avremo dei poteri, potrebbero essere solamente delle predisposizioni!”
“Il mio ometto, sempre così simpatico ... Jay è impossibile! Voi due siete destinati a fare grandi cose!”
Mi ha dato un buffetto sul naso, ma non è servito a tranquillizzarmi, adesso sono certo che non potrebbero accettare un esito negativo!
Mia sorella mi ha fatto una smorfia da dietro la mamma, non le sono mai piaciuti i loro discorsi, li trova insensati, pensa che qualunque cosa le assegneranno la renderà felice!
Vorrei essere determinato come lei.  

Dopo un viaggio in treno di circa due ore raggiungiamo finalmente la Curia, dove si svolgerà l’iniziazione.
Mamma e Papà sono già entrati nell’edificio, noi invece ci siamo dovuti aggregare al gruppo di sedicenni spaventati davanti alla porta di ingresso; Dobbiamo attendere un funzionario che ci spieghi le varie fasi della cerimonia, ma so già, che l’attesa che ci aspetta si rivelerà la più snervante di tutta la nostra vita.

VI E' PIACIUTO QUESTO EPISODIO? 
SE VOLETE ANCORA SENTIR PARLARE DI JAY E CLOE NON DOVRETE FAR ALTRO CHE ASPETTARE ALTRI SETTE GIORNI ;) 

_Giulietta_ 




Nessun commento:

Posta un commento