martedì 23 giugno 2015

Intervista a Tania Paxia

Sorpresa cari lettori !!!
Qualche giorno fa Vi ho presentato la recensione di un libro intitolato "Sono Io Taylor Jordan!" assegnandoli ben cinque piume; ebbene... oggi Vi stupirò con l'intervista alla scrittrice Tania Paxia, vediamo come ha risposto alle mie domande

Ciao, iniziamo con la prima domanda. Oltre le tue prime pubblicazioni anche nell’ultimo romanzo “Sono Io Taylor Jordan” si sente un po’ di contaminazione del genere fantasy grazie ad Unawere.Da quando e dov’è nata questa passione?
Ciao, Giulietta! Ah la mia passione per il fantasy è nato quando ero bambina, con le favole. Pian piano ho scoperto Alice nel Paese delle Meraviglie, per non parlare delle avventure di Peter Pan! 
Il libro che mi ha fatto innamorare del fantastico mondo della magia è stato Harry Potter e la Pietra Filosofale. Poi, con i libri di C.S. Lewis, Tolkien e Books diciamo che ho continuato verso il fantasy classico-epico. Ho riversato la mia passione per i romanzi fantasy su Meggie, la protagonista di Sono io Taylor Jordan!

Nella RECENSIONE ho osservato che a mio parere Cooper assomiglia ad un
personaggio di Big Bang Theory. Hai un Telefilm preferito? Oppure non li guardi proprio?
Cooper non credo somigli fisicamente a uno dei personaggi di Big Bang Theory perché per soprannominarlo “La Bestia” l’ho dovuto descrivere come un energumeno di uno metro e ottanta con la barba lunga. La Bestia dal cuore d’oro, insomma. Il suo aspetto esteriore è del tutto in contrasto con il suo essere gentile e super-intelligente. Questa parte, sì, in effetti potrebbe somigliare a uno dei personaggi di quel telefilm, che tra l’altro è anche uno dei miei preferiti! Guardo i telefilm, da quelli di fantascienza (Fringe) a quelli “crime”. Ho adorato The Mentalist fino alla scoperta di John il Rosso. Delusione totale. Ma vabbèPoi seguo Bones da anni, perché ho letto i libri della Reichs e perché l’attore che interpreta Booth era uno dei miei personaggi preferiti di Buffy. Poi ultimamente ho finito la serie “Revenge”, ho continuato “Arrow” e “The Flash”. Ora che mi ci fai pensare devo finire anche Once Upon a Time! :)

Da dov’è nata l’idea di richiamare il mondo delle favole nel romanzo tramite i titoli dei capitoli? Qual è il messaggio che volevi trasmettere?
L’idea mi è venuta dal prologo intitolato “C’era una volta, poi ho continuato con il primo capitolo, dato che dovevo presentare i due coinquilini di Meggie, La Bestia e la Bella. Me ne veniva in mente uno dopo laltro, quindi ho continuato! Il messaggio che volevo trasmettere è quello di non arrendersi mai, di andare avanti qualsiasi cosa succeda. Come nelle favole: quando tutto sembra andare a pezzi, quando credi di aver toccato il fondo, c’è (quasi) sempre una soluzione. Me ne rendo conto, la vita non è come nelle favole, ma a me piace pensarlo.

Il libro risulta così divertente anche perché il lettore riesce ad immedesimarsi nei modi di fare ed i comportamenti dei personaggi. Se dovessi scegliere, qual è che rispecchia di più la tua personalità?
Ah in ogni personalità dei personaggi principali ho inserito qualcosa di mio. Ad ogni modo, credo che Meggie e Beth, per certi aspetti, mi rispecchino molto.

Maggie è una cover designer di successo, ma anche tu sai il fatto tuo! La copertina del libro è fantastica, l’hai creata da sola?
Ti ringrazio! Sì, l’ho progettata io. Mi diverto a creare le copertine dei miei libri, ma anche per gli altri (se ne ho occasione). Ho imparato a usare Photoshop e per non dimenticarmi certe cose mi esercito con le manipolazioni delle foto o con le scritte dei titoli. Il significato della lente di ingrandimento (o bolla) che racchiude la ragazza è spiegata nel corso del libro, quindi anche la cover, a modo suo, è collegata alla trama. Secondo me la cover deve rispecchiare la storia, perché è la prima cosa che vediamo, appena ci troviamo di fronte a un volume (che sia cartaceo o in ebook), quindi deve emanare delle sensazioni e un’atmosfera adeguata al tema trattato.

E infine, la domanda che tutti, dopo aver finito questo romanzo si faranno sentiremo ancora parlare di Maggie Clarke?
Chissà, forse sì. La storia ce l’ho in mente, quindi prima o poi, tempo permettendo, la scriverò! Ho lasciato qualche indizio nel finale! 

Come ultima cosa ma non per importanza ringrazio di cuore Tania Paxia per aver risposto a tutte le mie domande con disponibilità e gentilezza. 

VI E' PIACIUTA QUESTA INTERVISTA? 

_Giulietta_ 

8 commenti:

  1. Intervista carinissima! I libri di Tania mi piacciono un sacco :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è il primo che leggo, ma penso che non tarderò a divorare anche gli altri :)

      Elimina
  2. Grazie per la bella intervista! ^^ E' stato un piacere rispondere alle tue domande!

    RispondiElimina
  3. Che bella intervista! Molto fresca e piacevole! Complimenti a tutte e due!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie... Sono felice che ti sia piaciuta :)

      Elimina
  4. Bellissima intervista!! Ancora non ho letto nulla di quest'autrice, ma mi avete incuriosita parecchio!! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male ... L'obbiettivo era proprio quello ^__^

      Elimina