martedì 8 novembre 2016

La compagna di scuola - Madeleine Wichkam

Probabilmente alcune lettrici (parlo al femminile perché l'autrice di cui sto parlando è solitamente più vicino al mondo delle ragazze) non saranno per nulla d'accordo con la mia opinione, ma lo sapete, sono onesta e se un libo non mi piace, non mi piace.
Sto parlando della "La compagna di scuola" di Madeleine Wichkam, o meglio conosciuta come Sophie Kinsella (avete presente I love shopping? L'autrice!).

RECENSIONE
Voto: 3

Non posso dire che il libro sia scritto male, perché mentirei.
Il romanzo è scorrevole, ma nonostante questo durante la lettura mi è mancato qualcosa, qualcosa di originale che facesse all'improvviso cambiare il tono della narrazione che mi è apparsa per la maggior parte del tempo monocorde.
Ho apprezzato come La Kinsella abbia ritratto tre protagoniste nella realtà quotidiana cercando di attenersi alle vicende della vita vera, senza favole ne compromessi, con le difficoltà delle persone comuni d'affrontare, quelle difficoltà che a volte si ha persino paura di ammettere alle proprie migliori amiche.
La storia è strutturata intorno a Maggie, Roxanne e Candice, tre amiche che lavorano per un'importante rivista di Londra e che una volta al mese si ritrovano al Manhattan Bar, il loro posto speciale per confidarsi e stare insieme.
L'elemento che sconvolge la routine e anche la linea della trama del libro è una ragazza: Heather. Ex compagna di scuola di Candice decide d'insediarsi nella vita della stessa facendo prendere alla storia una piega inaspettata.
Anche i personaggi a mio parere hanno poca spina dorsale, non c'è una tra le tre protagoniste che mi abbia colpito. E' anche vero che se la scrittrice ha voluto descrivere le ragazze nel modo più realistico possibile, quindi è stata obbligata, per mantenere questa linea, a caratterizzarle con delle difficoltà e dei problemi che nella vita comune si possono incontrare.
Nonostante tutto però mi è proprio mancata quella caratteristica, quella particolarità che mi facesse dire: "questo è un personaggio forte, da libro!"
Mi spiace che questo libro non mi abbia colpito, perché da tanto avevo in programma di leggere un romanzo della Kinsella e quando l'ho comprato le mie aspettative erano molto alte (forse è stato anche questo il problema).
Adesso voglio provare a leggere un altro dei suoi libri, perché sono sicura che questa scrittrice con un altro racconto possa darmi tanto.

Cosa dite, "I love shopping" può andar bene? ;)

_Giulietta_

Nessun commento:

Posta un commento