martedì 20 maggio 2014

Il mio dante

Questa settimana vi consiglio un libro che pur essendo molto "Dotto" non è per nulla noioso, stiamo parlando della divina commedia analizzata dal punto di vista di Benigni! 

Titolo: Il Mio Dante
Autore: Roberto Benigni 
Pagine: 145
Prezzo: 10,50 €
Casa editrice: Einaudi  
Un libro scanzonato, leggero e dottissimo per chi ama la poesia e per le folle che nel 1991, dalle università, ai teatri, alla televisione, hanno cominciato o ricominciato ad amare Dante per come Benigni lo ha narrato.
Il distillato del racconto orale con cui il nostro grande attore comico ha accompagnato tutte le sue letture dantesche. 
Che in modo allegro e pieno di vita, ci parla di figure retoriche e di accenti, di bellezza e di amore, di religione, di Dio e del peccato. Un libro, infine, che col sorriso sulle labbra ci rende felici di parlare la stessa lingua di Dante Alighieri. 

"Quando dico che la divina commedia è la vetta della letteratura, lo dico proprio perché è un piacere leggerla, e chissà cosa abbiamo fatto di straordinario per meritarci un dono così bello. E' come se Dio avesse detto: << Guarda, siete stati talmente bravi e buoni che vi voglio premiare; vi dò uno che vi scrive la Divina Commedia.>>"
ESTRATTO

"A me la mia mamma me lo diceva sempre: -impara a memoria! Lo vedi Dante? Era tremendo. Devi diventare come lui, che sapeva tutto a memoria, conosceva ogni cosa! -
E mi raccontava il famoso aneddoto del sasso...

Dante è seduto su un sasso davanti al Duomo di Firenze.
Arriva un signore e gli dice: -Qual'è il miglior boccone?
E Dante: -L'uovo!
E l'altro se ne va.
Un anno dopo, lo stesso signore ritorna nello stesso posto dove Dante è seduto sullo stesso sasso, e gli chiede a bruciapelo: -Con che? 
E Dante: -Col sale! "

E a voi piace la Divina Commedia?
Fonti: il libro
_Giulietta_ 

Nessun commento:

Posta un commento